A Firenze si viaggia sul bus con il cellulare

Ataf lancia il ticketing in mobilità con Bemoov

Ataf (Azienda Trasporti Area Fiorentina) ha attivato Bemoov, il sistema interoperabile e multi-servizio di acquisto e pagamento mobile.
Il servizio integrato di mobile ticketing sulla città di Firenze è stato possibile anche grazie all’importante supporto di Telecom Italia che, in virtù di un accordo siglato con Ataf, ha messo a disposizione tutte le infrastrutture tecnologiche e applicative (queste ultime fornite da Ubiquity - partner Telecom), necessarie per gestire la bigliettazione via cellulare.

Per poter fruire del servizio, basterà semplicemente iscriversi a Bemoov sui canali del proprio operatore di pagamento: su www.bemoov.it è possibile trovare gli operatori di pagamento attivi.
L’iscrizione prevede l’associazione del proprio numero di cellulare allo strumento di pagamento su cui si vogliono addebitare i propri acquisti. Dopo l’iscrizione, per confermare l’acquisto, basterà inserire unicamente il codice di sicurezza personale per confermare l’operazione. Nessun dato sensibile sul proprio strumento di pagamento sarà richiesto poiché custodito a monte dalla Banca.
Quindi, una volta effettuata l’iscrizione, in procinto di salire sul bus, il viaggiatore invierà un SMS ad al numero del servizio ATAF, ricevendo in risposta un SMS codificato che varrà come titolo di viaggio e che dovrà essere mostrato al personale in caso di verifica. Oggi il ticket acquistabile è quello di corsa semplice, che vale 90 minuti, senza nessuna maggiorazione di costo, al di fuori del costo dell’SMS che varia in funzione del piano tariffario del viaggiatore. Per acquistarlo l’utente dovrà mandare semplicemente un SMS con scritto "ATAF” ad un numero dedicato. Presto sarà possibile acquistare anche altre tipologie di biglietti e ricaricare abbonamenti contact-less attraverso apposite applicazioni disponibili sulle principali piattaforme smartphone.

"La bigliettazione dei trasporti urbani via cellulare rappresenta un grande passo avanti in termini di accessibilità dei servizi al cittadino, che ci avvicina a casi di successo europei come Stoccolma ed Helsinki, dove buona parte della biglietteria TPL è venduta via cellulare. – dichiara Filippo Bonaccorsi, Presidente di ATAF – Il progetto si integra perfettamente ed arricchisce l’offerta turistica della città: per il cittadino fiorentino come per il turista in visita nel capoluogo Toscano, sarà più facile muoversi, senza bisogno di monetine né l’affannosa ricerca di una rivendita.”

"L’attivazione dell’acquisto in mobilità di trasporti e parcheggi su Firenze è un primo importante esempio di integrazione di servizi ad alto valore aggiunto su una città, che sarà presto seguito da altre municipalità virtuose, contribuendo così allo sviluppo di un network di servizi interoperabili a livello Nazionale, posizionando l’Italia come un esempio di riferimento europeo in termini di innovazione - aggiunge Enrico Sponza, Vicepresidente del Consorzio Movincom – grazie al modello multi-servizio di Bemoov, il cittadino può accedere con un'unica attivazione ad una molteplicità di servizi che coprono le sue diverse esigenze: trasporti e mobilità, biglietteria per teatri, mostre e musei, Hotel e molto altro ancora”.

Pubblicata il 06/04/2011